Seleziona una pagina

Questa non è l’ultima crisi che dovremo attraversare. Quella climatica è dietro l’angolo, e con essa altre pandemie. Peggiori.

Non possiamo più permetterci di pensare che il sistema sia abbastanza solido da farcela superare. La pressione di questo periodo ha portato in superficie le linee di frattura. E’ andato tutto in frantumi.

Ora stiamo per vivere una breve pausa tra questa emergenza e quella successiva. Se saremo saggi, la useremo per costruire qualcosa di più forte, di più resiliente: un sistema nervoso digitale decentralizzato, diversificato, trasparente, progettato per essere supportato e gestito dai suoi utenti, ai margini.

Qualsiasi cosa di meno sarà la nostra sventura, e una condanna per le nuove generazioni.

Share on Social Media